Utilizziamo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, leggi ulteriori info.

Arcipelago della Società

Tahiti, la prima isola in cui si atterra con il volo intercontinentale.

Qui a Tahiti si racconta che Ta'aroa era l'antenato degli dei. Da solo creò ogni cosa.

Da tempo immemorabile c'era Ta'aroa. 

Ta'aroa l'origine

Il capitano James Cook

L'isola è stata scoperta da Samule Walls ma fu James Cook che ne fece il punto principale di approdo per i navigatori europei. Nel suo quarto viaggio a Tahiti scoprì le altre isole dell'arcipelago che per la loro vicinanza vennero chiamate Isole della Società.

 

James Cook, esploratore, navigatore e cartografo britannico

Caratteristiche delle isole

Queste isole si presentano alla vista del viaggiatore come verdi montagne galleggianti, adagiate sulla superficie dell'oceano, sembrano dipinte, inaspettate in questo scenario prevalentemente marino. Di formazione vulcanica, si stagliano imponenti sullo sfondo blu cobalto del cielo che diventa rosso e scarlatto al tramonto. Tra la barriera e l'isola, una sorta di 'zona calma', la splendida laguna caratterizzata da bassi fondali e da tranquille acque color turchese che contrastano il blu dell'oceano.

La barriera corallina è una presenza costante in questi luoghi, l'acqua della laguna è sempre a temperatura costante, un vivaio naturale per le coloratissime specie della flora e fauna marina. 

L'arcipelago è costituito da due gruppi di isole circondate da lagune, denominate Sopravvento e Sottovento.

Otto isole di origine vulcanica e cinque atolli, declinano dai 2000 metri delle tre montagne di Tahiti al livello del mare.

Il gruppo delle Isole Sopravvento comprende Tahiti l'isola più grande e conosciuta della Polinesia, Moorea più piccola ma non meno spettacolare, Tetiaroa acquisita da Marlon Brando, un paradiso di tranquillità e le piccole Maiao e Meheitia.

Le Isole Sottovento sono composte per lo più da isole montuose molto diverse tra loro, la prima che si incontra andando da est verso ovest è Huahine, dall'atmosfera rilassante. conosciuta per il più vasto complesso pre-europeo di marae, antichi luoghi di culto polinesiano. Vicino si trovano Tahaa e Raiatea, due isole che si affacciano sulla stessa laguna. Raiatea è considerata l'isola sacra della Polinesia, un'isola di leggende con i templi più antichi ed importanti. Proseguendo verso ovest si incontra Bora Bora una tra le più belle isole del mondo, infine Maupiti non meno bella ma più piccola e turisticamente meno conosciuta. Continuando la rotta verso ovest si incontrano quattro atolli, strisce di terra, composti da residui corallini.